Il territorio

I dintorni: la ridente Villaperuccio

a Villaperuccio le testimonianze della civiltà nuragica sono numerose: le necropoli di Montessu e di Marchianna, i menhir di Luxia Arrabiosa a Terratzu e di Is Perdas Croccadas. Un tempo nel Giudicato di Cagliari, recuperò l'antica autonomia con l'elevazione a municipio nel 1979

A due passi da Nuxis, il paese di Villaperuccio o Sa Baronìa, come si chiama in lingua sarda, è uno dei più pittoreschi del Basso Sulcis, sebbene sia stato elevato a comune solo nel 1979. Abitato già in epoca antichissima, nel suo territorio si trovano numerosi siti archelogici come le necropoli, insieme a reperti di armi e di utensili della vita quotidiana. Il paese attuale affonda le proprie origini nel Medioevo: Villaperuccio fu parte della curatoria del Sulcis del Giudicato di Cagliari fino al 1258, allorché subentrarono i Della Gherardesca.

Nel Trecento giunsero gli Aragonesi e Villaperuccio passò sotto il controllo di Tului, ma nel 1348 una terribile epidemia di peste flagellò la popolazione del comprensorio, che dovette subire anche le guerre fra Mariano IV d'Arborea e Pietro IV d'Aragona e l’occupazione delle truppe del Giudicato. All’inizio del Quattrocento Villaperuccio era ormai spopolato e venne quindi ceduto agli Otger, ma si sarebbe ripreso del tutto soltanto nel Settecento con l’insediamento di famiglie di contadini dalle zone limitrofe. Nell’Ottocento, Villaperuccio fu accorpato al comune di Santadi, ma nel 1979 guadagnò la propria autonomia grazie a un referendum.

Tra gli edifici degni di nota troviamo la chiesa della Madonna delle Grazie del Cinquecento e la chiesa della Madonna del Rosario del 1913, mentre fra i siti archeologici ci sono le necropoli di Montessu e di Marchianna, i menhir di Luxia Arrabiosa a Terratzu e di Is Perdas Croccadas, la diga di Monte Pranu.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.